15
lug

Come usare il tajine

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Informazioni utili

Risultato finale

Il tajine è un tegame in terracotta originario del Nord Africa, in particolare del Marocco, formato da una base circolare poco profonda e da un coperchio a forma di cono. Grazie a questo tipico contenitore, la cottura dei cibi avviene molto lentamente, quasi al vapore, rendendo le pietanze saporite e tenere. Gli aromi dei vari ingredienti si amalgamano piano piano, dando come risultato dei piatti ricchi di gusti e profumi. E’ un metodo di cottura salutare, perchè con pochissimi grassi, e l’aggiunta di spezie, erbe aromatiche o frutta secca, dona ai cibi sapore in modo naturale. In Marocco il tajine viene posizionato su un braciere chiamato Bajmar, ma noi possiamo tranquillamente adattarlo, con qualche accorgimento, alle nostre cucine moderne. Con lo stesso nome si chiamano anche le pietanze cotte al suo interno, che possono essere a base di verdura, carne o pesce, spesso accompagnate da couscous, pane arabo o pane tipo Pita.

Contrassegnato con , , , , , ,

06
lug

Tajine di pollo con peperoni e spezie per Quanti modi di fare e rifare

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette con Carne, Ricette cucina marocchina, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette di cucina internazionale, Ricette per Quanti modi di fare e rifare, Ricette Piatti unici, Ricette Secondi

Risultato finale

Anche questo mese è volato via alla velocità della luce, senza che me ne sia quasi accorta. Ed in un baleno è arrivato anche l’appuntamento mensile con Anna, Ornella e la cucina dei Quanti modi di fare e rifare. Questo è un momento che vivo sempre con tanta gioia ed entusiasmo, perchè sono curiosa di sapere cosa si sono inventate le altre cuochine, e soprattuto è un’occasione per salutarle e ritrovarle. Oggi è Francesca, con il suo blog Sciroppo di mirtilli e piccoli equilibri, a fare gli onori di casa, accogliendoci nella sua bellissima cucina, dalla quale proviene un profumino davvero invitante….eh ci credo….infatti ha preparato per noi uno squisito pollo ai peperoni alla romana!!! Questo è un piatto tipico della tradizione culinaria di Roma, la sua città, dove viene cucinato e consumato in occasione del pranzo di Ferragosto. Un piatto estivo e saporito, che lei ha realizzato secondo la ricetta originale di Sora Lella, una simpatica cuoca romana di altri tempi, per la riuscita del quale è indispensabile che i pochi ingredienti principali siano di qualità: il pollo deve essere ruspante e i peperoni belli sodi e carnosi. Come ci insegna Francesca, un altro elemento fondamentale, è la marinatura, meglio se per tutta la notte, in modo che il pollo si ammorbidisca e assorba il sapore e il profumo dei vari aromi. Per la mia versione, ho pensato di reinterpretare questo piatto in chiave marocchina, lasciando come protagonisti gli stessi ingredienti, però conferendo loro una marcia in più, grazie all’utilizzo della chermoula, una marinatura composta da tante profumatissime e coloratissime spezie. Utilizzo spesso il tajine per cucinare, non solo piatti marocchini, e anche in questo caso si è rivelato perfetto!!! Il risultato della cottura lenta e dei vapori rimasti all’interno del cono, è stato un pollo morbidissimo, saporito e uno straordinario sughetto. Dopo il tajine di manzo con zucca e prugne, e quello di pesce con olive nere e pomodorini, ecco il mio tajine di pollo con peperoni e tante spezie, per un pranzo di Ferragosto in stile un pò romano e un pò africano…

Contrassegnato con , , , , , ,

24
giu

Mini piadina romagnola al farro con pere all’aceto balsamico, mousse di gorgonzola e noci tostate

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette Antipasti, Ricette con la frutta, Ricette con pasta lievitata: pane, pizza e focacce, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette Finger food, Ricette per MT Challenge

Risultato finale

Questa ricetta è l’esempio lampante di quello che cerco di spiegare quando parlo di semplicità in cucina. Me l’avrete sentito dire così tante volte che ormai mi avrete a noia! Però cosa c’è di più bello di pochi semplici ingredienti che si uniscono, dando vita, come per magia, ad un tripudio di sapori unico e perfetto, tale da risvegliare e mandare in estasi le nostre papille gustative?? Ed è ancora più incredibile quando si riesce ad ottenere un risultato di questo tipo senza utilizzare ingredienti strani, difficili da reperire o provenienti da chissà quale posto del mondo. E ogni ingrediente è protagonista, ha il suo carattere, non viene nascosto o sopraffatto dagli altri, ma al contrario valorizzato. Come quando si abbinano le pere con il formaggio…che connubio fantastico!!! Certo, avete ragione, non ho inventato niente e non sono stata neanche molto originale, però questo non è solo un grande classico, è anche, e sopratutto, qualcosa di sublime. E niente mi sembrava più adatto per le mie mini piadine in versione finger food, con le quali partecipo, per la prima volta, ad uno dei contest mensili più seguiti e famosi nel mondo dei foodblogger, ossia l’ MT Challenge!!! Questo mese la sfida ci impone di cimentarci nella preparazione della piadina romagnola, tipico street food della Riviera e prodotto IGP, che ci viene presentata e proposta da Tiziana, nel suo blog L’Ombelico di Venere, con la sua ricetta tradizionale e infallibile, spiegata nei minimi dettagli. Fino ad ora ho sempre pensato che preparare in casa la piadina fosse difficile, e quindi mi sono sempre limitata a comprare quelle già pronte, o a gustarmi quelle comprate nei chioschetti al mare. Ma mi sbagliavo di grosso!! Grazie a Tiziana, e alla sua fantastica ricetta, ho scoperto di poterle realizzare in modo molto semplice con le mie sante manine, ottenendo un risultato davvero ottimo. Dopo aver visto le innumerevoli e fantasiose versioni già proposte dagli altri sfidanti, mi ero un pochino abbattuta, perchè sembrava che non ci fosse più niente di nuovo da inventare. Alla fine però sono nate queste mini piadine, che danno l’illusione di essere delle tortine dolci con la panna, e invece sono degli antipasti davvero sfiziosi, con una sontuosa mousse a base di gorgonzola e mascarpone, dei cubetti di pere agrodolci e per finire delle croccanti noci tostate!!! Irresistibili!!!

Contrassegnato con , , , , , ,

04
giu

Muffins soffici alle carote e mandorle

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette con Verdure, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette dolci, Ricette in collaborazione con I Frutti della Terra, Ricette per bambini, Ricette semplici e veloci

Risultato finale

Le carote si trovano quasi tutto l’anno, ma quelle che vengono raccolte in questo periodo sono particolarmente croccanti e saporite. Un buon modo per utilizzarle e godere dei loro preziosi principi nutritivi, è quello di realizzare anche dei dolci, possibilmente leggeri e genuini, adatti per una sana e gustosa colazione, ideale per tutta la famiglia, e soprattutto per i più piccini. Ho utilizzato altre volte le verdure nei dolci, come nel caso della mia Carrot Cake o dei miei Cupcakes con zucchine, noci e melassa, e le ho sempre trovate davvero sorprendenti. Questa volta ho realizzato dei muffins, soffici e leggeri, senza burro e con una modesta quantità di zucchero, e il risultato è stato ottimo! Carote e mandorle si sposano alla perfezione!

Contrassegnato con , , , ,

19
mag

I Frutti della Terra e la natura a domicilio: una nuova collaborazione

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Informazioni utili

Carretto per le consegne in città

Maggio, per questo blog, è stato un mese pieno di sorprese e di novità. Dopo la partecipazione al contest mensile del blog Quanti modi di fare e rifare e la calorosa accoglienza da parte di tutti i membri del gruppo, è iniziata la collaborazione con l’azienda agricola I Frutti della Terra, insieme alla quale condivido un […]

Contrassegnato con , , ,

06
mag

Quiche lorraine vegetariana con zucchine e carote viola per Quanti modi di fare e rifare

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette Antipasti, Ricette con Verdure, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette pasquali, Ricette per Quanti modi di fare e rifare, Ricette primaverili, Ricette Primi, Ricette vegetariane

Risultato finale

Sono molto felice di postare questa ricetta perchè sancisce l’inizio di una nuova avventura!! Infatti, a partire da questo mese,  parteciperò alla divertente e bellissima iniziativa promossa  dalle gentilissime Anna e Ornella,  intitolata Quanti modi di fare e rifare. In pratica il 6 di ogni mese, tutti i blog aderenti, si danno appuntamento sul web, nelle loro cucine virtuali, pubblicando varie versioni della stessa ricetta. Questa idea è nata dal fatto che per ogni genere di preparazione, che sia una crostata, un risotto, un arrosto,  un piatto tradizionale o meno, esistono tantissime varianti e quindi appunto tanti modi diversi di fare e rifare, anche in base ai propri gusti e alla propria creatività. Questo mese ci apre le porte della sua cucina la bravissima  Dany, con il suo blog Profumo di zenzero e cannella e con le sue appetitose Mini quiche lorraine. Con grande piacere entro anch’ io in cucina e preparo la mia versione: una quiche lorraine vegetariana con zucchine e carote viola! Spero che vi piaccia!!

Contrassegnato con , , , , ,

11
apr

Pan di Spagna soffice al cioccolato, ricetta collaudata

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette di cucina di Afrodita, Ricette dolci, Ricette e tecniche di base

Risultato finale

Il Pan di Spagna è molto utilizzato in pasticceria per la sua versatilità. Si ritiene che sia stato preparato per la prima volta nel Settecento, dal cuoco genovese Giobatta Cabona, ospite della corte di Spagna. Ne esistono tantissime ricette: quelle originali che dicono di non aggiungere il lievito, quelle che prevedono di montare le uova intere senza separarle dagli albumi, altre che suggeriscono di montare le uova a bagnomaria, per sfruttare il calore e rendere il composto più spumoso. Ho provato varie ricette ma questa è quella che mi ha permesso di ottenere un pan di spagna molto soffice e leggero, ben alveolato, adatto per essere tagliato e poi farcito a piacere, come base per torte di compleanni o per la realizzazione di dessert come il tiramisù. Basta seguire alcune regole basilari e il risultato è assicurato!!! Questa è la versione del pan di spagna al cacao, ma se desiderate effettuarne uno classico non dovrete che eliminare il cacao amaro e sostituirlo con pari quantità di farina.

Contrassegnato con , , , , , , , , ,

07
apr

Torta pasqualina tradizionale con variante delle uova di quaglia

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette con Verdure, Ricette della nonna, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette pasquali, Ricette Piatti unici, Ricette primaverili, Ricette Primi, Ricette vegetariane

Risultato finale

La torta pasqualina è uno dei simboli della cucina ligure, e genovese in particolare, ed ha origini antiche, risalenti al Cinquecento. Per tradizione veniva cucinata in occasione della Pasqua, e per le donne di casa rappresentava una vera e propria abilità, in quanto in origine si dovevano tirare ben trentatré sfoglie, come gli anni di Cristo. Queste torte erano così grandi che non entravano nel forno di casa e venivano quindi portate al forno pubblico. Ogni famiglia, per riconoscere la propria, incideva le proprie iniziali o la propria sigla sul bordo. Anche oggi la torta pasqualina è uno dei piatti più presenti sulle nostre tavole durante le festività pasquali. Questa è la ricetta tradizionale, proveniente dal mondo contadino delle nostre campagne, però con una grossa scorciatoia: la pasta sfoglia è quella già pronta! L’unica variante che ho apportato è stata la sostituzione delle uova di gallina con quelle di quaglia, che personalmente amo molto. Il risultato è stato davvero perfetto, ricco, saporito….se poi qualcuno di voi vorrà invece cimentarsi nella preparazione della pasta sfoglia casalinga, tanto di cappello!!!!

Contrassegnato con , , , , , , , , ,

31
mar

Tajine di carne di manzo con prugne, zucca e mandorle

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette con Carne, Ricette cucina marocchina, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette di cucina internazionale, Ricette Piatti unici, Ricette Secondi

Risultato finale

Finalmente vi propongo un autentico piatto marocchino, con tutto il carisma delle spezie e dei sapori di Marrakech: il tajine, che ha lo stesso nome del contenitore in terracotta nel quale viene cucinato. In questo caso ho realizzato un tajine di carne di manzo, ma ne esistono di tantissimi tipi, a base di pesce e verdure. Se non avete l’originale tegame in terracotta non preoccupatevi, potrete utilizzare anche una casseruola con il fondo bello spesso, come quella che usate per fare lo spezzatino o lo stufato. Adesso però è ora di immergerci nel Marocco e nei suoi profumi…..e mi raccomando non fatevi spaventare dai tempi di cottura: sono necessari alla riuscita del piatto, perchè il principio del tajine è proprio quello di una cottura molto lenta, ma alla fine la carne sarà tenerissima!!! Quindi diffidate delle ricette che suggeriscono tempi di cottura più brevi!!!

Contrassegnato con , , , , , , , , , , , , , , , ,

21
mar

Come fare la crema ganache al cioccolato montata e non (ideale per torte e cupcakes)

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette di cucina di Afrodita, Ricette dolci, Ricette e tecniche di base

Risultato finale ganache al cioccolato non montata

La ganache al cioccolato è una crema francese molto utilizzata per la farcitura e la copertura di torte, dolci e cupcake. Sembra che sia nata per caso, dall’errore di un giovane apprendista pasticcere, il quale versò per sbaglio del latte caldo sul cioccolato, e che venne chiamato “ganache” (maldestro) dal suo maestro. La ricetta originale prevede una pari quantità di cioccolato e di panna fresca, ma spesso e volentieri si trovano ricette che indicano proporzioni diverse. Chiaramente, maggiore è la quantità di cioccolato rispetto alla panna, maggiore sarà la consistenza della crema. Per ottenere una ganache perfetta, evitando che “impazzisca”, assumendo un aspetto ben poco invitante, è necessario rispettare alcuni semplici ma fondamentali passaggi. Qui troverete la ricetta base per una ganache alla francese, sia montata che non, con alcuni consigli pratici su come utilizzarla e conservarla.

Contrassegnato con , , , , , , , ,

09
lug

Cheesecake al cioccolato con biscotti integrali e ciliegie sciroppate home made

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette con la frutta, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette dolci

Risultato finale

Il cheesecake è senza dubbio la torta dell’estate per eccellenza, a maggior ragione se viene guarnito con frutta fresca, gelatine o marmellate fatte in casa. E questo è proprio il periodo dell’anno migliore per avere a disposizione tanti freschi e succulenti frutti di stagione: fragole, ciliegie, albicocche, pesche, susine, angurie, meloni, nocipesche, ribes, mirtilli, more, lamponi e fichi. Questo cheesecake è reso molto goloso dalla presenza del cioccolato ma la vera ciliegina sulla torta…sono proprio le ciliegie!!! Infatti, per valorizzare ancora di più questo dolce, ho preferito utilizzare delle ciliegie sciroppate fatte con le mie mani il giorno prima. Non c’è che dire, il risultato è stato davvero strepitoso! Ho portato questo cheesecake in collina per un pranzo in famiglia, e tutti hanno apprezzato il fatto che non fosse stucchevole, ma al contrario leggero, fresco e soprattutto genuino e ricco di sapori.

Contrassegnato con , , , , , , ,

26
giu

Crescioni al farro con gamberi alla curcuma, crema di burrata e pomodorini confit

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette con pasta lievitata: pane, pizza e focacce, Ricette con Pesce, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette per MT Challenge, Ricette Piatti unici

Risultato finale

Questa per noi è stata senza dubbio la settimana della piadina romagnola…ma vi posso assicurare che non ci siamo ancora tolti la voglia!!! Dopo le mini piadine, in versione mordi e fuggi (questa è la mia idea di finger food!), con lo straordinario connubio pere-formaggio, non potevamo certo farci mancare degli squisiti crescioni, ovvero delle piadine, chiuse a metà come un calzone e ripiene di ogni genere di bontà. Ma non è finita qui. L’impasto era così soffice e saporito che questa volta ho raddoppiato le dosi, e ho realizzato anche delle piadine classiche, che ognuno in famiglia, ha farcito con ciò che più gradiva, dallo speck e fontina alla crema di nocciole. Ma c’è stato qualcuno che ha apprezzato in modo particolare le piadine mignon, da noi chiamate in modo improprio “tigelline”, e che ne rubava dal tavolo una dietro l’altra e se le gustava così, senza niente, portandosele in giro per la casa. E chi poteva essere se non il nostro piccolo Sebastiano?! Ha poco più di un anno, però già la sa lunga in fatto di cibo. Tutto questo è stato merito di Tiziana, con il suo blog L’ Ombelico di Venere, che ha proposto la piadina romagnola come tema della sfida di questo mese all’ MT Challenge, e soprattutto della sua ricetta perfetta. Per la mia seconda ed ultima proposta ho realizzato dei crescioni, utilizzando sempre la farina di farro, con all’interno un mix di sapori davvero stuzzicanti, grazie alla curcuma (che amo e uso spesso in cucina), al tabasco (ne bastano poche gocce per fare la differenza), all’agrodolce dei pomodorini passati al forno e alla nota grassa della burrata. Il tema di questa sfida mi ha suggerito tantissime idee, anche per delle versioni dolci, ma purtroppo, per mancanza di tempo, non sono riuscita a metterle in pratica. Questo un pò mi dispiace perchè avrei voluto fare molto di più, però sono comunque contenta perchè così avrò tante cose gustose da cucinare nei giorni/mesi/anni a venire!

Contrassegnato con , , , , , , ,

06
giu

Tortelli di San Giovanni in rosa con borragine e ricotta per Quanti modi di fare e rifare

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette di cucina di Afrodita, Ricette per Quanti modi di fare e rifare, Ricette primaverili, Ricette Primi

Risultato finale

Eccoci finalmente al nuovo appuntamento mensile con Anna, Ornella e la cucina dei Quanti modi di fare e rifare. Questo volta siamo ospiti di Lucia, del blog Tra cucina e pc, insieme alla quale prepareremo tante bellissime versioni dei famosi Tortelli di San Giovanni. Questi tortelli sono tipici emiliani e si portano in tavola  la sera del 23 giugno, in occasione della tradizionale “tortellata”, per festeggiare la notte di San Giovanni Battista e raccogliere la rugiada, che si dice porti fortuna. Con i tortelli ci si può sbizzarrire e creare le più disparate varianti, però in questo caso non ho voluto allontanarmi troppo dalla ricetta originale e soprattutto ho voluto utilizzare i prodotti del mio territorio, rispettando quelle che erano le usanze delle famiglie rurali di un tempo. Credo che il bello di questa ricetta sia proprio il fatto di non dover essere per forza originale o ricercata, e di essere stata realizzata proprio come un tempo, con le stesse materie prime (o quasi). Nel ripieno ho mantenuto la ricotta, utilizzando quella fresca di un caseificio delle mie colline, e  invece di usare erbette dell’orto (come bietole o spinaci) ho optato per un’erba selvatica, la borragine, dal sapore molto delicato e aromatico. Per la sfoglia ho utilizzato farina biologica macinata a pietra in un mulino qui vicino e uova prodotte in una fattoria di fiducia. Come unico sfizio ho aggiunto della purea di barbabietola rossa (che non altera in nessun modo il sapore) per donare ai tortelli un grazioso colore rosa e ho utilizzato un tagliapasta a forma di fiore. Ed ecco i miei tortelli di San Giovanni, semplici e genuini, decorati con tanti fiorellini di borragine blu e lilla.

Contrassegnato con , , , , ,

21
mag

Frittatine a forma di rosa con Silene (o erba del cucco) e pecorino dolce

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette Antipasti, Ricette con Verdure, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette Finger food, Ricette in collaborazione con I Frutti della Terra, Ricette per bambini, Ricette primaverili, Ricette semplici e veloci, Ricette vegetariane

Risultato finale

La Silene è una pianta erbacea perenne, selvatica, dai caratteristici fiori a forma di calice, chiamati bubbolini. Forse alcuni di voi se ne ricorderanno, perchè da bambini ne facevano scoppiare i fiori irrigiditi alla fine dell’estate, schiacciandoli con le dita. E’ più spesso conosciuta con diversi soprannomi, come erba del cucco, bubbolini, carletti, schioppettini, stridoli, grisòl e sclopit. Quest’erba, che cresce spontaneamente nei prati, vicino ai fossi o a ridosso di muretti, è molto ricercata in gastronomia, per il suo sapore dolce e delicato, tanto da essere considerata una delle migliori erbe selvatiche commestibili. I nostri  nonni e bisnonni erano abituati a conoscere le erbe dei campi, a raccoglierle e ad utilizzarle per cucinare, cosa che purtroppo noi non facciamo più. E così molti prodotti del territorio finiscono per essere dei perfetti sconosciuti, e venire dimenticati. Con questa ricetta semplice semplice ho cercato di valorizzare questo ingrediente dal sapore unico e gradevole, fino a poco tempo fa, a me sconosciuto. E devo ringraziare l’azienda I Frutti della Terra per avermelo fatto scoprire.

Contrassegnato con , , , , , , , ,

12
mag

Gnocchi di patate viola Vitelotte con pesto leggero al basilico e mandorle

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette di cucina di Afrodita, Ricette primaverili, Ricette Primi, Ricette vegetariane

Risultato finale

Il viola e il verde stanno letteralmente invadendo la mia cucina….e non solo perchè sono i colori dei miei mobili e delle mie pareti!!! Dopo la quiche vegetariana con zucchine e carote viola, è la volta dei gnocchi di patate viola, con un verdissimo e profumatissimo pesto al basilico e mandorle, leggero leggero. E’ inutile dire che il viola è il mio colore preferito!!! Con questa ricetta mi sono tolta uno sfizio, diciamolo pure, in quanto le patate viola sono tutt’altro che a km zero, essendo una varietà originaria del Perù. Viene coltivata anche in Francia e in Italia, ma solo da pochissimi agricoltori, perchè hanno una resa molto scarsa e ciò le rende difficili da trovare. Quando, per caso, le ho viste in una cassetta del mercato non ho potuto resistere alla voglia di comprarle!!! Ed ecco che sono nati questi gnocchi viola, abbinati al mio ormai collaudato pesto al basilico e mandorle. Le patate viola sono antiche e non sono frutto di alcuna modificazione genetica. La loro consistenza è più soda e asciutta rispetto alle nostre patate gialle e il loro sapore ricorda leggermente la castagna. Ma il loro vero pregio, oltre a conferire ai piatti un effetto cromatico sorprendente, è quello di essere ricche di sostanze nutritive molto importanti per il nostro organismo, utili nella prevenzione dell’invecchiamento e del cancro. 

Contrassegnato con , , , , ,

29
apr

Torta di compleanno decorata con togo e smarties

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette di cucina di Afrodita, Ricette dolci, Ricette per bambini

Risultato finale

Finalmente riesco a postare la ricetta di questa torta fantastica, che ho preparato a febbraio in occasione del primo compleanno del mio piccolo Sebastiano. Volevo realizzare qualcosa di goloso ma non troppo pesante (quindi niente creme al burro, mascarpone o coperture in pasta di zucchero), colorato e scenografico (evitando marzapane o mmf). Come base ho utilizzato il mio pan di spagna al cioccolato, soffice e  super collaudato, leggermente bagnato con del succo di mela (non ho voluto usare una bagna alcolica), farcito con una crema molto fresca, a base di panna,  fragole e cioccolato bianco, e ricoperto con una sontuosa crema ganache al cioccolato. Infine ho decorato il tutto con dei Togo al cioccolato e con dei simpatici e coloratissimi Smarties. Può sembrare una torta un pò complessa da realizzare, ma non fatevi spaventare! In realtà basta organizzarsi, magari preparando il pan di spagna il giorno prima, e procedendo poi per gradi seguendo con cura tutti i passaggi. Servono un pò di tempo e un pò di pazienza, però i complimenti e lo stupore di tutti, e soprattutto i sorrisi dei vostri bimbi, vi ricompenseranno di tutto!!!

Contrassegnato con , , , , , , , , ,

10
apr

Vellutata di asparagi con uova in camicia di Jamie Oliver

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette con Verdure, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette light, Ricette pasquali, Ricette primaverili, Ricette vegetariane

Risultato finale

Cercando degli spunti per delle ricette primaverili, con ingredienti di stagione, ho trovato questa deliziosa vellutata di asparagi nel libro “La mia cucina naturale” di Jamie Oliver. L’ho preparata per cena ed è stata un successo!!! Ha un sapore molto delicato e si sposa veramente a meraviglia con l’uovo in camicia. Un piatto forse un pò inusuale, però con un insieme di consistenze davvero interessante. Lo trovo molto adatto anche per essere portato in tavola durante le festività di Pasqua.

Contrassegnato con , , , , , , , , , , ,

06
apr

La forza della farina e l’indice W: cosa sono e perchè sono importanti per la panificazione

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Informazioni utili

Pasta per pizza

La forza è una proprietà della farina, ossia la capacità di resistere nel tempo alla lavorazione. Può variare in base alla qualità del grano e di conseguenza in base al suo contenuto proteico, in particolare dal contenuto di due proteine: la gliadina e la glutenina. Queste ultime sono proteine semplici che a contatto con l’acqua […]

Contrassegnato con , , , , , , , , ,

23
mar

Zuppa di lenticchie rosse con crostoni di pane casereccio

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette di cucina di Afrodita, Ricette light, Ricette per bambini, Ricette Primi, Ricette vegetariane

Risultato finale

Questa zuppa l’avevo preparata a dicembre e, viste le temperature quasi estive dei giorni scorsi, pensavo che non fosse più il caso di pubblicarla, perchè mi sembrava proprio fuori stagione. Poi è arrivata questa domenica sera uggiosa, di vento e pioggia, un pò autunnale, ed ecco che ho trovato l’occasione adatta!!! In una serataccia come questa non c’è niente di meglio di una semplice e genuina zuppa di lenticchie, bella calda e confortante. Le lenticchie rosse, note anche come lenticchie egiziane, sono ricche di proteine vegetali nobili, ossia totalmente assimilabili dal nostro organismo e facilmente digeribili. Grazie alla loro composizione bilanciata di carboidrati, fibre e proteine aiutano a tenere sotto controllo la glicemia nel sangue e quindi l’insulina, ormone che. se presente in quantità eccessive, predispone all’obesità e al diabete. Tra le tante virtù delle lenticchie rosse, c’è anche quella di contenere pochissimi grassi (e quelli presenti sono insaturi cioè ricchi di omega 3, quindi buoni) e di essere totalmente prive di colesterolo. Sono quindi indicate per una dieta bilanciata per tutti, in particolar modo per i bambini. Inoltre, utilizzando quelle decorticate, ossia private della cuticola esterna (ricca di cellulosa), non c’è bisogno di ammollo e i tempi di cottura sono molto più brevi, senza considerare che risultano essere molto più digeribili, non causando fermentazioni intestinali. Quindi ben venga una gustosa e salutare zuppa di lenticchie….sarà gradita anche dai più piccini!!!!

Contrassegnato con , , , , , , , , ,

17
mar

Cupcake speziati con zucchine, noci e melassa ricoperti di cioccolato bianco

Scritto da Afrodita. Pubblicato in Ricette cucina inglese, Ricette cucina nord-americana, Ricette di cucina di Afrodita, Ricette di cucina internazionale, Ricette dolci

Risultato finale

Questi ricchi cupcake sono il risultato di un mio esperimento in cucina, e devo dire che sono stati apprezzati da tutti quelli che li hanno assaggiati, grazie al loro sapore particolare e inconsueto, molto gradevole al palato. Sono una vera esplosione di profumi e di gusti, conferita dall’utilizzo di spezie come la cannella e la vaniglia, ma soprattutto dalla presenza di un ingrediente poco conosciuto qui in Italia, ossia la melassa di canna da zucchero. E’ quest’ultima, infatti, a rendere questi cupcake di un intenso color nocciola, come se fossero al cacao, e a donare loro un retrogusto di liquirizia e di affumicato. La melassa è un liquido bruno ottenuto dalla centrifugazione dello zucchero di canna o di barbabietola. Insieme a miele e sciroppo d’acero è una delle alternative al saccarosio (zucchero bianco) apportando circa il 30-40% in meno di calorie e contenendo discrete percentuali di sali minerali come ferro, potassio, magnesio e calcio. Altro ingrediente un pò inusuale sono le zucchine, le quali però, avendo un sapore dolce e delicato, si addicono perfettamente alla realizzazione di dolci soffici, un pò come le carote. Poi ci sono le noci, a conferire croccantezza, e una copertura al cioccolato bianco, per dare un tocco di colore e dolcezza finale. Insomma in questi cupcake non manca proprio nulla. Provateli e fatemi sapere cosa ne pensate!!!!

Contrassegnato con , , , , , , , , , ,

Gli ingredientidelle ricette

Scopri gli ingredienti delle ricette, con dettagli su cosa sono, da dove provengono e come si usano.

Vai alla lista degli ingredienti

Gli utensilidi cucina

Conosci gli utensili di cucina più particolari? Eccone una piccola lista...

Vai alla lista degli utensili

Commenti recenti

  • Afrodita

    26 luglio 2014 |

    Ciao Paola, nei tajine originali in terracotta solitamente non sono presenti fori nel coperchio perché il materiale di cui sono fatti tende a trasudare i vapori in eccesso. Spesso inoltre il coperchio non chiude in modo ermetico la pentola, quindi i vapori possono trovare uno sfogo. Infatti la maggior parte dei vapori deve restare all’ interno, trasformarsi in condensa e mantenere i cibi umidi, tanto che il più delle volte non è necessario aggiungere liquidi durante la cottura. Però in alcuni tajine, soprattutto in quelli più moderni, magari in altri materiali, possono essere presenti uno o due piccoli fori nel coperchio, che servono come sfiato, ma hanno anche la funzione di far restringere i liquidi, quindi basta chiuderli con della carta stagnola se si vuole mantenere i cibi umidi all’ interno. Come vedi entrambe le tipologie possono andare bene, sicuramente mi sento di consigliarti quelle in terracotta perché conferiscono alle pietanze un sapore particolare e migliorano con il tempo. Attenzione però ad acquistare quelle in terracotta naturale, oppure se verniciate o decorate, assicurati che non siano state utilizzate vernici tossiche o al piombo. Infatti alcuni tajine molto decorati e colorati hanno più che altro uno scopo ornamentale, o al massimo vengono usati solo come contenitore per servire in tavola.
    Spero di esserti stata di aiuto!!!

  • PAOLA

    26 luglio 2014 |

    ad una fiera c’era uno stand solo di tajine, di tutte le misure e decorazione, bellissime. Ho un dubbio però: alcune avevamo il foro sul coperchio ed altre invece no. Mi sembra di capire che il foro neutralizzi il metodo di cottura che le caratterizza, Giusto?
    Ciao Ciao

  • Afrodita

    23 luglio 2014 |

    Ciao Paola, anch’ io resto sempre affascinata da tutto ciò che mi è nuovo in cucina, dagli ingredienti, alle tecniche, dagli utensili alle pentole. Vorrei provare tutto e conoscere tutto, ma ovviamente non è possibile! Se ne hai l occasione ti consiglio di provare a cucinare un tajine, ne vale davvero la pena!

  • Paola

    20 luglio 2014 |

    Mi piace tantissimo la tua versione con tutte queste spezie, ma sopratutto per l’uso della tajine, mi affascinano sempre le tecniche nuove e prima o poi mi cimenterò…ancora complimenti!!

  • Afrodita

    14 luglio 2014 |

    Davvero che peccato che sia finita così alla svelta!!! E come se le gustava Sebastiano le ciliegine???!!! Però la prossima volta dobbiamo assolutamente pubblicare sul blog la ricetta della tua super focaccia….aiuto non ne ho mai mangiata una così buona, soffice e alta!!! Devi rifarla!!!

Categorie

Log In

Siti di amici