Risultato finale

Crostata speciale con ganache al cioccolato e fragole per festeggiare San Valentino

Forse non ci crederete, ma questa sontuosa e super cioccolatosa torta di San Valentino, l'ho preparata per un'altra donna!!! Chi me l'ha commissionata è stato chiaro: doveva essere qualcosa di molto goloso, sicuramente con del cioccolato e senza nessun riguardo alla linea, insomma pura tentazione! Ho pensato immediatamente alla Forrest gump tarte, vista qualche giorno fa sul blog di Alessandra....
Risultato finale

Minestra “trovata” con cime di rapa e fagioli azuki per Quanti modi di fare e rifare

Questo mese, per il secondo appuntamento dell'anno nella cucina di Quanti modi di fare e rifare, siamo ospiti di Anisja del blog La cucina di Anisja, per preparare tutti insieme la minestra trovata. Si tratta di una ricetta antichissima, che veniva appunto realizzata con le erbe commestibili che si trovavano nei campi (tarassaco, borragine, ortiche, finocchietto selvatico, cicoria) e con quel che si aveva a disposizione nella dispensa di casa, spesso pane e legumi.
10949790_1066499790042850_1663505213_n

Happy birthday Ale…e lo dico con dei baci di dama salati al nero di seppia e mousse al salmone affumicato

Agli inizi di dicembre, cercando qualche spunto qua e là per un antipasto carino ed originale, da proporre a degli amici, in occasione di una cena pre-natalizia, sono incappata nei fantastici baci di dama salati di Alessandra. E' inutile dire che mi sono piaciuti un sacco e che mi hanno ispirata per una versione particolare, adatta al mio menù di pesce, e decisamente in tema con il Natale. Una notte infatti mi sono comparsi in sogno dei baci di dama neri, con una cremina rosa all'interno ed un effetto cromatico che mi esaltava un sacco! Il giorno dopo mi sono messa all'opera, aggiungendo del nero di seppia all'impasto base, e ottenendo proprio il risultato che speravo!
Risultato finale

Canederli all’emiliana con spalla cotta di San Secondo, provolone Valpadana ed erba cipollina

Quello che mi colpisce di una ricetta, non sono gli ingredienti in sè, ma il pensiero che ci sta dietro. Una ricetta interessante, capace di emozionarmi, deve nascere in un certo contesto, avere un senso logico, esprimere qualcosa del territorio al quale appartiene, rispettare le materie prime, raccontare un pezzo di storia e trasmettere l'idea di cucina di chi l'ha creata. Quando ho scoperto con immenso piacere, che la ricetta proposta da Monica del blog One in a million, per la sfida nr.44 dell' MTChallenge, erano i canederli, ho subito pensato ad una versione rustica, genuina e confortante. Perchè i canederli, piatto della cucina povera, basati sul riciclo del pane vecchio e sul recupero di altri ingredienti avanzati, come formaggi o fondi di salumi, non riesco proprio a vederceli in una veste diversa, fuori dal loro contesto e dalla loro storia, mi sembra che perdano la loro natura e il loro carattere.....
Risultato finale

Yaki Onigiri con salmone caramellato e sesamo nero per Quanti modi di fare e rifare

Questi triangolini di riso mi hanno sempre incuriosita, fin da bambina, quando li vedevo mangiare con voracità dai personaggi dei cartoni animati giapponesi, e finalmente mi sono anche divertita a cucinarli! Infatti il primo appuntamento di questo nuovo anno con la cuochina di Quanti modi di fare e rifare è proprio in Giappone, per preparare gli Onigiri (si pronuncia onighiri), insieme alla nostra cara amica Anna del blog C'è di mezzo il mare. Grazie alla sua ricetta, e ai suoi preziosi consigli, sono riuscita a realizzare qualcosa di nuovo, molto lontano dalla nostra cucina italiana, ma per questo non meno buono o interessante.....
Risultato finale

Calamari ripieni di patate viola, uvetta e pinoli con salsa allo zafferano

Eccoci di nuovo qua, con un altro anno alle spalle, passato veloce come un lampo. Quando arriva il Natale mi assale, ogni volta, una sensazione di perdita, perchè mi accorgo di colpo che il tempo scorre e mi ritrovo a pensare a tutte le emozioni vissute, ai momenti di gioia, alle difficoltà, ai sorrisi ricevuti, alle parole dette, agli abbracci mancati e ai pezzi di vita che mi lascio alle spalle. Ma è solo per un attimo, perchè poi mi ritrovo risucchiata dal vortice dei soliti preparativi. In questa frenesia trovo un piccolo spazio per postare questa deliziosa ricetta, ideale come secondo a base di pesce per la cena della Vigilia di Natale, ma anche per una semplice cena in famiglia o con amici......
Risultato finale

Panforte con mirtilli rossi (senza frutta candita) per Quanti modi di fare e rifare

Per questo ultimo appuntamento del 2014, le cuochine di Quanti modi di fare e rifare si sono ritrovate nella cucina di Donatella, del blog L' ingrediente perduto, per realizzare tutte insieme il Panforte, ossia una torta fatta con miele, frutta secca e frutta candita, proprio come usava fare la sua nonna. Questo dolce vanta delle origini molto antiche, tanto che le prime testimonianze scritte risalgono all'anno mille, quando ancora veniva chiamato Pane Natalizio, Pane aromatico o Pan pepatus. All'epoca era destinato esclusivamente ai ricchi, ai nobili e al clero, poichè veniva preparato, oltre che con le conce di arancia, cedro e melone, con droghe e spezie costosissime per quei tempi.....
Risultato finale

Insalata autunnale con valeriana, mela verde, noci tostate e melagrana

Le insalate, contrariamente a quello che si può pensare, sono ideali per essere portate in tavola non solo in estate, ma anche durante i mesi più freddi. In autunno non troveremo certo i pomodori o i peperoni, ma potremo scegliere tra tante varietà di verdura e frutta di stagione. Questa insalata, colorata e appetitosa, è resa ancora più ricca dai semi succosi della melagrana, ricchi di vitamina C, potassio e polifenoli, con proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e di controllo della glicemia. Una sferzata non solo di sapore, ma anche di salute....
Muffins al Pastis con glassa alla lavanda

Muffins al Pastis de Marseille con cuore al cioccolato fondente e glassa alla lavanda in onore di Jean-Claude Izzo

Sono davvero entusiasta di partecipare all' MTC di questo mese, perchè mi dà la possibilità di unire due mie grandi passioni: la lettura e la cucina. La sfida, questa volta, non prevede solo di cimentarsi in una particolare ricetta, ma anche di collegarla ad un testo scritto (un libro, una poesia, una canzone, una preghiera). La ricetta in questione è quella dei muffins, sia dolci che salati, proposta dalla simpaticissima Francesca del blog Burro e Zucchero, vincitrice dell'ultima sfida. E' lei che devo ringraziare, perchè senza la sua ricetta perfetta e le sue indicazioni dettagliate, questi buonissimi e soffici muffins non avrebbero visto la luce (e avrei continuato a sfornare muffins stopposi e immangiabili!!!), e non avrei avuto l'ispirazione per rendere omaggio ad uno dei miei scrittori preferiti, il marsigliese Jean-Claude Izzo....
Risultato finale

Risotto al radicchio rosso di Treviso, salsiccia e stracchino con cialde di parmigiano

L'autunno è sicuramente il periodo dell'anno in cui i risotti sono più di voga. Sicuramente le basse temperature, e il clima uggioso, ci invogliano a mangiare qualcosa di caldo, saporito e confortante. Ma un ruolo fondamentale lo giocano anche i prodotti di stagione, tutti molto invitanti, e particolarmente adatti per accompagnare il riso: funghi, zucche, salsicce, pancetta e formaggi solo per citarne alcuni. Però c'è un ingrediente che preferisco tra tutti, ed è il radicchio rosso di Treviso....