Paccheri con guazzetto di seppioline, pomodorini e olive taggiasche

Risultato finale

Questa è una di quelle ricettine semplici e veloci che tanto adoro, perchè sono gustosissime e in pochi minuti e senza stress ti risolvono alla grande una cena o un pranzo. Trovo che sia un modo interessante di cucinare i paccheri, pasta di semola di grano duro tipica di Napoli, che hanno l’aspetto di maccheroni giganti e che vanno molto d’accordo con sughetti succulenti o con farciture a base di ricotta. Il nome “pacchero” deriva dal greco antico e significa “pacca”, intesa come schiaffo bonario, proprio per sottolinearne le grandi dimensioni. E allora beccatevi questa “sberla” di paccheri con tanto di guazzetto a base di pomodorini, olive e seppioline, nel quale magari inzuppare un bel crostone croccante di pane casereccio!!!

5.0 from 1 reviews
Paccheri con guazzetto di seppioline, pomodorini e olive taggiasche
Autore: 
Tipo di ricetta: Primi
Cucina: Italiana
Tempo di Preparazione: 
Tempo di Cottura: 
Tempo Totale: 
Porzioni: ¾ persone
 
Ingredienti
  • 300 g di pasta tipo Paccheri
  • 400 g di pomodorini ciliegia di Pachino
  • 60 g di olive taggiasche denocciolate
  • 500 g di seppioline già pulite
  • 1 spicchio d'aglio
  • prezzemolo q.b.
  • pepe nero da macinare
  • olio extra vergine di oliva
  • sale marino integrale da macinare
Istruzioni
  1. In una casseruola scaldare un pò di olio d'oliva, aggiungere lo spicchio d'aglio pelato senza fargli prendere colore, dopo un paio di minuti aggiungere i pomodorini lavati e tagliati a metà
  2. Nel frattempo mettere sul fuoco una pentola d'acqua salata e portarla ad ebollizione
  3. Quando i pomodorini saranno morbidi eliminare lo spicchio d'aglio ed aggiungere le olive taggiasche denocciolate e le seppioline tagliate a metà (o se preferite in quarti) mescolare il tutto e lasciar cuocere
  4. Nel frattempo lessare nell'acqua bollente i Paccheri e poi scolarli al dente, circa dopo 10/11 minuti di cottura invece di 12/13, tenendo da parte ½ bicchiere di acqua di cottura
  5. Regolare il sughetto di sale e pepe, considerando la sapidità data dalle olive e spolverizzare con una dose generosa di prezzemolo tritato
  6. Versare i paccheri nella casseruola insieme al sughetto di seppioline, aggiungere l' acqua di cottura tenuta da parte, amalgamare bene il tutto e cuocere ancora per un paio di minuti, fino a quando la pasta avrà terminato la cottura.
  7. Servire in tavola belli caldi insieme al guazzetto di seppioline e magari con dei bei crostoni di pane casereccio per fare la "scarpetta".

  • Passaggio 3
  • Passaggio 6
  • Risultato finale

2 comments

    • Afrodita says:

      Purtroppo non ho avuto il tempo di inserire nuove ricette per la Vigilia di Natale, però questa può essere davvero la soluzione per un primo a base di pesce facile da preparare e allo stesso tempo gustoso!!! Un bacio

Lascia un commento

Vota questa ricetta: