La pasta frolla classica

Passaggio 3

Di paste frolle ne esistono di diversi tipi e per diversi utilizzi: la frolla sablé (sabbiata) perfetta per piccola biscotteria secca, la frolla montata utilizzata per realizzare biscotti e prodotti di piccola pasticceria, che risulteranno estremamente friabili, di consistenza tendente al cremoso, per la quale generalmente il rapporto farina/burro è di 1:1, e la frolla ovis mollis, nella quale si utilizzano tuorli d’uovo sodi setacciati, e si ottengono biscotti e pasticcini friabilissimi, quasi farinosi, un risultato da fine pasticceria. Questa invece è la ricetta per una pasta frolla classica, caratterizzata da una lavorazione molto semplice, consigliabile in ambienti molto caldi, ideale come base per delle golose e intramontabili crostate, oppure per dei meravigliosi biscotti, semplici o farciti.

5.0 from 1 reviews
La pasta frolla classica
Autore: 
Tipo di ricetta: Dolci
Cucina: Italiana
Tempo di Preparazione: 
Tempo Totale: 
Porzioni: Dose per una crostata
 
Ingredienti
  • 500 g di farina di grano tenero tipo 0 debole
  • 300 g di burro con 82% di materia grassa
  • 200 g di zucchero semolato
  • 3 tuorli d'uovo
  • 1 pizzico di sale
  • la scorza grattugiata di un limone non trattato
Istruzioni
  1. In una planetaria con il gancio a foglia inserire il burro lasciato qualche minuto a temperatura ambiente, in modo che sia attorno ai 10-14 gradi, aggiungere una presa di sale, e la scorza del limone (solo la parte gialla). Azionare la planetaria ed impastare a bassa velocità aggiungendo prima lo zucchero e poi i tuorli delle uova.
  2. In ultimo versare la farina setacciata fino ad ottenere un impasto omogeneo.
  3. Avvolgere l'impasto nella pellicola trasparente e farlo riposare in frigorifero per almeno 2 ore ( possibilmente anche 10-12 ore in modo che l'impasto possa stabilizzarsi)
  4. Utilizzare la pasta frolla per le basi delle crostate o per i vostri biscotti preferiti.

 

2 comments

  1. Nicoletta says:

    proverò anch’io a mettere un po’ di lievito per ottenere una pasta frolla più friabile, grazie per il consiglio!!!!

Lascia un commento

Vota questa ricetta: