Rollè di tacchino ripieno di ricotta con coulis di ribes rossi all’aceto balsamcio

Risultato finale

Il rosa shocking è uno dei colori di tendenza nelle linee di abbigliamento per la primavera-estate di quest’anno, ma è alquanto inusuale per un rollè di tacchino. In cucina però tutto è possibile, ed anche un pezzo di carne può stare al passo con il mondo della moda, rendendo tutto più divertente e più scenografico. I ribes rossi, protagonisti di questa ricetta, iniziano a maturare sulle nostre montagne proprio all’inizio dell’estate, sono ricchi di flavonoidi e di vitamina C ed hanno proprietà depurative, diuretiche e digestive. Con il loro stupendo colore fanno da contrasto alla candida carne di tacchino, e ci regalano una salsa agrodolce dal sapore davvero inconsueto, che stimola le papille gustative, e che si sposa alla perfezione con la dolcezza della ricotta.

5.0 from 2 reviews
Rollè di tacchino ripieno di ricotta con coulis di ribes rossi all'aceto balsamico
Autore: 
Tipo di ricetta: Secondi
Cucina: Italiana
Tempo di Preparazione: 
Tempo di Cottura: 
Tempo Totale: 
Porzioni: 4 persone
 
Ingredienti
Per il rollè:
  • 1 kg di fesa di tacchino
  • qualche rametto di timo limonato
  • 180 g di ricotta fresca
  • pepe nero
  • sale agli aromi mediterranei
  • olio extravergine di oliva
  • 600 ml di vino bianco secco
  • 125 g di ribes rossi
Per la coulis di ribes rossi:
  • 175 g di ribes rossi
  • 2 cucchiai di zucchero semolato
  • 2 cucchiaini di aceto balsamico di Modena
Per decorare:
  • 50 g di ribes rossi
Istruzioni
  1. Tagliare con un coltello la fesa di tacchino a libro in modo da ottenere un'unica grossa fetta, eliminare eventuali cartilagini e tessuti connettivi e battere leggermente con un batticarne (oppure potete far fare questa operazione al vostro macellaio di fiducia)
  2. Mettere la fesa di tacchino in un vassoio con 300 ml di vino bianco, 1 cucchiaio di olio d'oliva e una spolverata generosa di pepe nero e lasciarla marinare in frigorifero per un paio d'ore
  3. Nel frattempo lavare i ribes rossi e staccare le bacche dai rametti
  4. Trascorso questo tempo togliere la carne dalla marinatura e appoggiarla su un piano di lavoro, quindi spolverizzarla esternamente con sale e pepe e spalmare sul lato superiore la ricotta
  5. Aggiungere 125 g di ribes rossi distribuendoli in modo uniforme sulla carne
  6. Arrotolare la carne su sè stessa e legare il rotolo così ottenuto come se fosse un arrosto, utilizzando dello spago da cucina
  7. Inserire sotto la legatura di spago dei rametti di timo limonato
  8. In una teglia che possa andare sia in forno che sul fornello mettere due cucchiai di olio d'oliva, scaldarla a fuoco medio e aggiungere il rollè di tacchino per farlo rosolare su entrambi i lati, per circa 5 minuti per parte
  9. Continuare la cottura inserendo la teglia nel forno preriscaldato a 180° per 40 minuti, girando il rollè di tanto in tanto e aggiungendo qualche goccio del vino bianco rimasto quando necessario
  10. Durante la cottura in forno preparare la salsa di accompagnamento mettendo sul fuoco una piccola casseruola con 200 ml di vino bianco, lo zucchero, l'aceto e 175 g di ribes rossi. Lasciar cuocere per circa 10 minuti, fino a che i ribes saranno morbidi, quindi spegnere il fuoco e filtrare la salsa con un colino, avendo cura di schiacciare bene la polpa dei ribes (nel colino rimarranno solo la buccia e i semi dei ribes)
  11. Trascorsi i 40 minuti impostare il forno sulla funzione grill e proseguire la cottura della carne per altri 10 minuti, girandola su entrambi i lati
  12. Estrarre il rollè dal forno, quindi avvolgerlo in un foglio di alluminio e lasciarlo riposare per almeno 15 minuti
  13. A questo punto togliere la carne dal foglio di alluminio, eliminare lo spago, appoggiarla su un tagliere per affettarla e servirne un paio di fette in ogni piatto, accompagnare con la coulis calda e decorare con ribes freschi

Link utili: Come preparare il sale agli aromi mediterranei

 

4 comments

  1. Anto says:

    La ricetta è fresca e diversa ,devo imparare a riconoscere i tagli di carne o affidarmi ad un bravo macellaio…anche perche’ non son brava a tagliare la carne da sola..
    Brava perche’ non proponi mai ricette banali!!!
    Ps al contrario di me che faccio sempre le stesse cose!
    Un bacio!

  2. Afrodita says:

    Se non sei esperta nel tagliare la carne è meglio che tu chieda al macellaio di preparartela. Se poi hai difficoltà nel legare la carne con lo spago, puoi comprare quelle retine elastiche già pronte. Per il resto la ricetta è semplice ed estiva!

  3. Silvia says:

    Che bella la presentazione di questa ricetta …. Il tacchino che uso spesso in quanto carne bianca, è poco saporito, ma così è tutta un’altra musica…BRAVA!!

Lascia un commento

Vota questa ricetta: