11
feb

I vari tipi di farina di grano (o frumento): caratteristiche e utilizzo in cucina

Scritto da Afrodita il 11/02/2013. Pubblicato in Informazioni utili e consigli

FarineEsistono tantissimi tipi di farine (di mais, di orzo, di segale, di avena, di castagne, di grano saraceno, di riso, di mandorle….) ma quelle più diffuse e utilizzate nel mondo sono le farine di grano (conosciute comunemente come farine di frumento).

Solitamente con il termine generico farina viene indicata la farina di grano tenero, e con il termine semola la farina di grano duro. In realtà il mondo della farina di grano è ben più complesso ed articolato e sarebbe importante conoscerlo a trecentosessanta gradi,  per poter scegliere il prodotto più adatto al tipo di preparazione da realizzare e in linea con le nostre esigenze nutrizionali.

Il grano (triticum in latino) è una pianta erbacea della famiglia delle Graminacee ed è un cereale di antica coltura, presente già 5000 anni fa in medio oriente. Esistono tantissime varietà e specie di grano, ma le più conosciute ed utilizzate per l’alimentazione umana sono il grano duro (triticum durum) e il grano tenero (triticum aestivum), le quali, nonostante facciano parte della stessa famiglia, sono molto diverse tra loro dal punto di vista cromosomico. Le piante di grano presentano delle infiorescenze chiamate spighe, all’interno delle quali si trovano i chicchi, che sarebbero in pratica i frutti della pianta. E sono proprio i chicchi ad essere importanti per l’industria molitoria, poichè è proprio da loro che si estrae la farina.

I chicchi di grano, chiamati cariossidi, sono formati da:

  • una cuticola esterna, composta da vari strati (tegumento, pericarpo e strato aleuronico) che serve a proteggere il chicco. Contiene soprattutto fibra, ma anche vitamine del gruppo B, minerali e composti fenolici. Costituisce il 14% del chicco. ricco di minerali e fibre e che costituisce il
  • una parte centrale, chiamata endosperma,che fornisce il nutrimento al germe,  composta da amidi (ossia carboidrati complessi), proteine e piccole quantità di vitamine del gruppo B.  Amidi e proteine andranno a creare il glutine. Costituisce l’83% del chicco.
  • un germe interno, il quale germogliando darà origine ad una nuova pianta,  ricco di grassi polinsaturi, vitamine del gruppo B e del gruppo E, minerali, composti fenolici e antiossidanti. Costituisce il 3% del chicco.

Durante il processo di estrazione della farina, parte del rivestimento esterno viene eliminato (anche se in percentuali diverse in base al grado di raffinazione della farina finale), andando a formare la crusca (destinata all’industria zootecnica), poi viene rotto e macinato l’endosperma, dal quale si ottiene la farina. Anche il germe interno viene scartato, e destinato alla preparazione di integratori dietetici e cosmetici. Questo tipo di lavorazione è sempre valido, a meno che si voglia ottenere della farina integrale, e in questo caso si utilizzano tutte le parti del chicco. Diventa quindi importante calcolare la resa in farina di un chicco, che generalmente oscilla tra il 70% e l’ 82%, il rimanente 18/30% è un prodotto di scarto, costituito per la maggior parte da crusca, cruschello e farinaccio.

Con il tasso di estrazione (o tasso di abburrattamento) si misura la quantità di farina ottenuta macinando 100 Kg di grano: tanto più questo indice è alto, tanto più la farina è grezza. Quindi partendo dalla farina integrale, con un tasso di estrazione del 100% (più scura  e ricca di crusca) si arriva fino alla farina “00” con un tasso di estrazione di circa il 70% (più bianca e priva di crusca).

Farine di grano tenero

Partendo dal tasso di estrazione più alto, fino a quello più basso, ecco le farine risultanti dalle varie fasi della macinazione del grano tenero:

  1. Farina integrale: realizzata con tutto il chicco è la più completa dal punto di vista nutrizionale. Ideale per pane,focacce, pizza rustica e pasta integrale.
  2. Farina di tipo 2: realizzata con buona parte di crusca, è ancora abbastanza ricca di proteine e fibre. Ideale per pane e pizza.
  3. Farina di tipo 1: progressivamente con meno crusca e meno proteine rispetto a quella di tipo 2. Ideale per pane e pizza.
  4. Farina di tipo 0: è la farina di prima scelta, bianca, con molti amidi e poche  proteine. Ideale per pane e pasta fresca.
  5. Farina di tipo 00: proveniente dalla macinazione del solo endosperma, ossia la parte più interna del chicco, è la più bianca e la più leggera, chiamata “fior di farina”. Priva di crusca, è costituita quasi esclusivamente da amidi, ed è la più povera dal punto di vista nutrizionale, avendo i più bassi livelli di proteine, sali minerali, vitamine e fibra. Ideale per pizza, dolci, pasta fresca, besciamella e pasta all’uovo.

Farine di grano duro

Il grano duro contiene più proteine di quello tenero, circa il 13%,  e dalla sua macinazione si ottiene la semola, uno sfarinato con una granulometria più accentuata rispetto a quella della farina di grano tenero, e un caratteristico colore giallo ambrato, che si ripercuote  sui prodotti  finali. In base al tipo di macinazione si possono ottenere vari tipi di farina, questi sono i più comuni:

  1. Semola, sfarinato grossolano, di colore giallo ambrato, risultato della prima macinazione del grano duro, utilizzata principalmente per la produzione di pasta secca, ma anche per pane, gnocchi alla romana, couscous e dolci tipici.
  2. Semola rimacinata, chiamata anche semplicemente farina di grano duro, ottenuta dalla rimacinazione della semola, con una granulometria più fine, viene utilizzata per la panificazione, pura o mescolata con farina di grano tenero (un esempio è il tipico pane a pasta gialla Altamura).

 Curiosità: in Italia una legge stabilisce che la pasta secca debba essere realizzata con la farina di grano duro.

Articoli correlati: La farina Manitoba, La forza della farina e l’indice W

Contrassegnato con , , , , , , , , , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ingredientidelle ricette

Scopri gli ingredienti delle ricette, con dettagli su cosa sono, da dove provengono e come si usano.

Vai alla lista degli ingredienti

Gli utensilidi cucina

Conosci gli utensili di cucina più particolari? Eccone una piccola lista...

Vai alla lista degli utensili

Commenti recenti

  • Afrodita

    24 novembre 2014 |

    Ciao Maria Pia, mi fa molto piacere che ti siano piaciuti! L’ispirazione è nata fin da subito, in modo spontaneo. Per la realizzazione ho seguito con cura i consigli di Francesca.

  • Afrodita

    24 novembre 2014 |

    Marsiglia è una città magica, piena di contrasti, variegata e decisamente intrigante. Se avrai modo di leggere un libro di Izzo vi troverai i profumi, i colori, i rumori di Marsiglia, ti sembrerà di riviverla!

  • Afrodita

    24 novembre 2014 |

    Non vedo l’ora di vedere i tuoi muffin, mi hai fatto incuriosire!!!! I cuori al cioccolato e Pastis sono veramente da arresto, nel senso che smetti di mangiarli solo se ti legano le mani!!! Con l’aggiunta del latte restano un pò morbidi e si sciolgono in bocca, sembrano una ganache!!!

  • Giulietta | Alterkitchen

    23 novembre 2014 |

    Leggere dei tuoi muffins mi ha fatto sorridere fin da subito, perché ci sono almeno un paio di cose che ci accomuneranno.. però è bello anche vedere come, da una medesima ispirazione, si riescono a tirar fuori cose molto diverse, come diverse sono le persone che si lasciano ispirare.
    Quel cuore al cioccolato fondente e pastis è una roba da arresto, sappilo! :D

  • ilaria

    22 novembre 2014 |

    Ciao :-)
    I tuoi muffins sono strepitosi elaborati con grande amore e eseguiti perfettamente….mi fanno ricordare Marseille luogo incredibilmente affascinante. non conosco Izzo ma mi fai incuriosire ;-)
    Complimenti a presto Ilaria

Archivi

Categorie

Log In

Sono una cuochina di Quanti modi di fare e rifare

Sono un membro MTChallenge

Sono un membro MTChallenge

novembre: 2014
L M M G V S D
« ott    
  1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30