11
feb

I vari tipi di farina di grano (o frumento): caratteristiche e utilizzo in cucina

Scritto da Afrodita il 11/02/2013. Pubblicato in Informazioni utili

FarineEsistono tantissimi tipi di farine (di mais, di orzo, di segale, di avena, di castagne, di grano saraceno, di riso, di mandorle….) ma quelle più diffuse e utilizzate nel mondo sono le farine di grano (conosciute comunemente come farine di frumento).

Solitamente con il termine generico farina viene indicata la farina di grano tenero, e con il termine semola la farina di grano duro. In realtà il mondo della farina di grano è ben più complesso ed articolato e sarebbe importante conoscerlo a trecentosessanta gradi,  per poter scegliere il prodotto più adatto al tipo di preparazione da realizzare e in linea con le nostre esigenze nutrizionali.

Il grano (triticum in latino) è una pianta erbacea della famiglia delle Graminacee ed è un cereale di antica coltura, presente già 5000 anni fa in medio oriente. Esistono tantissime varietà e specie di grano, ma le più conosciute ed utilizzate per l’alimentazione umana sono il grano duro (triticum durum) e il grano tenero (triticum aestivum), le quali, nonostante facciano parte della stessa famiglia, sono molto diverse tra loro dal punto di vista cromosomico. Le piante di grano presentano delle infiorescenze chiamate spighe, all’interno delle quali si trovano i chicchi, che sarebbero in pratica i frutti della pianta. E sono proprio i chicchi ad essere importanti per l’industria molitoria, poichè è proprio da loro che si estrae la farina.

I chicchi di grano, chiamati cariossidi, sono formati da:

  • una cuticola esterna, composta da vari strati (tegumento, pericarpo e strato aleuronico) che serve a proteggere il chicco. Contiene soprattutto fibra, ma anche vitamine del gruppo B, minerali e composti fenolici. Costituisce il 14% del chicco. ricco di minerali e fibre e che costituisce il
  • una parte centrale, chiamata endosperma,che fornisce il nutrimento al germe,  composta da amidi (ossia carboidrati complessi), proteine e piccole quantità di vitamine del gruppo B.  Amidi e proteine andranno a creare il glutine. Costituisce l’83% del chicco.
  • un germe interno, il quale germogliando darà origine ad una nuova pianta,  ricco di grassi polinsaturi, vitamine del gruppo B e del gruppo E, minerali, composti fenolici e antiossidanti. Costituisce il 3% del chicco.

Durante il processo di estrazione della farina, parte del rivestimento esterno viene eliminato (anche se in percentuali diverse in base al grado di raffinazione della farina finale), andando a formare la crusca (destinata all’industria zootecnica), poi viene rotto e macinato l’endosperma, dal quale si ottiene la farina. Anche il germe interno viene scartato, e destinato alla preparazione di integratori dietetici e cosmetici. Questo tipo di lavorazione è sempre valido, a meno che si voglia ottenere della farina integrale, e in questo caso si utilizzano tutte le parti del chicco. Diventa quindi importante calcolare la resa in farina di un chicco, che generalmente oscilla tra il 70% e l’ 82%, il rimanente 18/30% è un prodotto di scarto, costituito per la maggior parte da crusca, cruschello e farinaccio.

Con il tasso di estrazione (o tasso di abburrattamento) si misura la quantità di farina ottenuta macinando 100 Kg di grano: tanto più questo indice è alto, tanto più la farina è grezza. Quindi partendo dalla farina integrale, con un tasso di estrazione del 100% (più scura  e ricca di crusca) si arriva fino alla farina “00″ con un tasso di estrazione di circa il 70% (più bianca e priva di crusca).

Farine di grano tenero

Partendo dal tasso di estrazione più alto, fino a quello più basso, ecco le farine risultanti dalle varie fasi della macinazione del grano tenero:

  1. Farina integrale: realizzata con tutto il chicco è la più completa dal punto di vista nutrizionale. Ideale per pane,focacce, pizza rustica e pasta integrale.
  2. Farina di tipo 2: realizzata con buona parte di crusca, è ancora abbastanza ricca di proteine e fibre. Ideale per pane e pizza.
  3. Farina di tipo 1: progressivamente con meno crusca e meno proteine rispetto a quella di tipo 2. Ideale per pane e pizza.
  4. Farina di tipo 0: è la farina di prima scelta, bianca, con molti amidi e poche  proteine. Ideale per pane e pasta fresca.
  5. Farina di tipo 00: proveniente dalla macinazione del solo endosperma, ossia la parte più interna del chicco, è la più bianca e la più leggera, chiamata “fior di farina”. Priva di crusca, è costituita quasi esclusivamente da amidi, ed è la più povera dal punto di vista nutrizionale, avendo i più bassi livelli di proteine, sali minerali, vitamine e fibra. Ideale per pizza, dolci, pasta fresca, besciamella e pasta all’uovo.

Farine di grano duro

Il grano duro contiene più proteine di quello tenero, circa il 13%,  e dalla sua macinazione si ottiene la semola, uno sfarinato con una granulometria più accentuata rispetto a quella della farina di grano tenero, e un caratteristico colore giallo ambrato, che si ripercuote  sui prodotti  finali. In base al tipo di macinazione si possono ottenere vari tipi di farina, questi sono i più comuni:

  1. Semola, sfarinato grossolano, di colore giallo ambrato, risultato della prima macinazione del grano duro, utilizzata principalmente per la produzione di pasta secca, ma anche per pane, gnocchi alla romana, couscous e dolci tipici.
  2. Semola rimacinata, chiamata anche semplicemente farina di grano duro, ottenuta dalla rimacinazione della semola, con una granulometria più fine, viene utilizzata per la panificazione, pura o mescolata con farina di grano tenero (un esempio è il tipico pane a pasta gialla Altamura).

 Curiosità: in Italia una legge stabilisce che la pasta secca debba essere realizzata con la farina di grano duro.

Articoli correlati: La farina Manitoba, La forza della farina e l’indice W

Contrassegnato con , , , , , , , , , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ingredientidelle ricette

Scopri gli ingredienti delle ricette, con dettagli su cosa sono, da dove provengono e come si usano.

Vai alla lista degli ingredienti

Gli utensilidi cucina

Conosci gli utensili di cucina più particolari? Eccone una piccola lista...

Vai alla lista degli utensili

Commenti recenti

  • Afrodita

    26 luglio 2014 |

    Ciao Paola, nei tajine originali in terracotta solitamente non sono presenti fori nel coperchio perché il materiale di cui sono fatti tende a trasudare i vapori in eccesso. Spesso inoltre il coperchio non chiude in modo ermetico la pentola, quindi i vapori possono trovare uno sfogo. Infatti la maggior parte dei vapori deve restare all’ interno, trasformarsi in condensa e mantenere i cibi umidi, tanto che il più delle volte non è necessario aggiungere liquidi durante la cottura. Però in alcuni tajine, soprattutto in quelli più moderni, magari in altri materiali, possono essere presenti uno o due piccoli fori nel coperchio, che servono come sfiato, ma hanno anche la funzione di far restringere i liquidi, quindi basta chiuderli con della carta stagnola se si vuole mantenere i cibi umidi all’ interno. Come vedi entrambe le tipologie possono andare bene, sicuramente mi sento di consigliarti quelle in terracotta perché conferiscono alle pietanze un sapore particolare e migliorano con il tempo. Attenzione però ad acquistare quelle in terracotta naturale, oppure se verniciate o decorate, assicurati che non siano state utilizzate vernici tossiche o al piombo. Infatti alcuni tajine molto decorati e colorati hanno più che altro uno scopo ornamentale, o al massimo vengono usati solo come contenitore per servire in tavola.
    Spero di esserti stata di aiuto!!!

  • PAOLA

    26 luglio 2014 |

    ad una fiera c’era uno stand solo di tajine, di tutte le misure e decorazione, bellissime. Ho un dubbio però: alcune avevamo il foro sul coperchio ed altre invece no. Mi sembra di capire che il foro neutralizzi il metodo di cottura che le caratterizza, Giusto?
    Ciao Ciao

  • Afrodita

    23 luglio 2014 |

    Ciao Paola, anch’ io resto sempre affascinata da tutto ciò che mi è nuovo in cucina, dagli ingredienti, alle tecniche, dagli utensili alle pentole. Vorrei provare tutto e conoscere tutto, ma ovviamente non è possibile! Se ne hai l occasione ti consiglio di provare a cucinare un tajine, ne vale davvero la pena!

  • Paola

    20 luglio 2014 |

    Mi piace tantissimo la tua versione con tutte queste spezie, ma sopratutto per l’uso della tajine, mi affascinano sempre le tecniche nuove e prima o poi mi cimenterò…ancora complimenti!!

  • Afrodita

    14 luglio 2014 |

    Davvero che peccato che sia finita così alla svelta!!! E come se le gustava Sebastiano le ciliegine???!!! Però la prossima volta dobbiamo assolutamente pubblicare sul blog la ricetta della tua super focaccia….aiuto non ne ho mai mangiata una così buona, soffice e alta!!! Devi rifarla!!!

Categorie

Log In

Siti di amici